CONDONO SOTTO I 100.000 EURO CON EQUITALIA

CONDONO SOTTO I 100.000 EURO CON EQUITALIA

La proposta porta la firma di Matteo Salvini: «Chiudere subito tutte le cartelle esattoriali di Equitalia per cifre inferiori ai 100 mila euro, per liberare milioni di italiani incolpevoli ostaggi e farli tornare a lavorare, sorridere e pagare le tasse». Il vicepremier si riferisce, quindi, a chi ha un debito con l’ex agente della riscossione e ancora non è riuscito a pagarlo nonostante le due precedenti rottamazioni. Per la sinistra, è un vero e proprio condono. Per Salvini, invece, si tratta di «pace fiscale». E per il Governo è un rebus: dove si troveranno i soldi per garantire la copertura di questo provvedimento? Quest’ultimo aspetto resta ancora in bilico. Si sa soltanto che la pace fiscale potrebbe portare – secondo indiscrezioni – nelle casse dello Stato fino a 3,5 miliardi di euro. Ma sarebbero molti di più se dovesse passare l’idea di un altro leghista, il sottosegretario al Tesoro Massimo Bitonci, che propone di portare la soglia della pace fiscale da 100mila ad 1 milione di euro.