INTERESSI PASSIVI: quando si possono scaricare

INTERESSI PASSIVI: quando si possono scaricare

Acquistare una casa affittata con un mutuo: quando si scaricano gli interessi passivi?

mutuo casa

 

Cosa succede se si acquista un appartamento con un mutuo prima casa, ma quella casa è affittata? Che ne è delle agevolazioni e delle detrazioni degli interessi passivi collegati? Vediamo cosa succede in questi casi.

Innanzitutto, ricordiamo che per essere definita “abitazione principale” una casa deve essere il luogo dove il proprietario o i suoi parenti più stretti (coniugi, figli ecc) risiedono abitualmente. Quando si acquista una casa con un mutuo prima casa, per poter usufruire delle condizioni agevolate di imposta ma anche di quelle legate ai mutui pensati appositamente per l’acquisto delle abitazioni principali, occorre che la residenza venga trasferita in quell’immobile entro 18 mesi dal rogito.

Acquistando una casa già locata, la questione può essere diversa. Si può ad esempio acquistare un immobile con le agevolazioni prima casa, abitando però in un’altra casa (in affitto, non di proprietà) fino alla scadenza del contratto di locazione in essere. In questo caso non si perdono le agevolazioni fiscali all’acquisto della abitazione principale, né si dovrà rinunciare a stipulare un mutuo “prima casa”, che solitamente prevede condizioni speciali. Tuttavia non sarà possibile scaricare gli interessi passivi del mutuo.

Perché sia possibile scaricare gli interessi passivi del mutuo infatti (ovvero il 19% delle spese compresi gli oneri notarili e di eventuale intermediazione immobiliare fino ad un massimo di 4 mila euro) occorre non solo che il mutuatario abbia la residenza anagrafica nell’immobile ma che vi abiti concretamente. Per poter scaricare gli interessi passivi quindi occorrerebbe notificare lo sfratto al locatario entro tre mesi dal rogito, come da articolo 657 del Codice Civile, adibendo la casa ad abitazione principale entro un anno dal suo rilascio. La notifica di sfratto, tuttavia, può avvenire solo a scadenza avvenuta del contratto di locazione, e va convalidata dal tribunale. Dal momento in cui la casa divenisse a tutti gli effetti abitazione principale, purchè nei tempi e nei termini previsti, allora il mutuatario potrebbe scaricare gli interessi passivi.

floriana Liuni