DECRETO DIGNITA’

DECRETO DIGNITA’

Decreto dignità è legge, tutte le novità per il lavoro

Gtres

Con l’approvazione in Senato, il decreto dignità è legge. Vediamo quali sono le principali novità che riguardano il mondo del lavoro, dal bonus assunzioni al tetto sui contratti a termine

Decreto dignità, approvazione in Senato

Martedì 7 agosto si è concluso l’iter del decreto dignità con l’approvazione definitiva in Senato. Il testo è passato con 155 favorevoli, 125 contrari e 1 astenuto. Le modifiche di Palazzo Madama hanno riguardato principalmente il capitolo del lavoro. Ma vediamo quali sono le norme approvate.

Decreto dignità, assunzioni tempo indeterminato under 35

Sarà esteso anche al 2019 e al 2020 il bonus per le assunzioni a tempo indeterminato per gli under 35. Si tratta dell’esonero del 50% dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro riconosciuto per un massimo di tre anni e con un tetto di 3000 euro su base annua. Le coperture arriveranno dall’aumento del prelievo sugli apparecchi di gioco a partire dal 2019.

Decreto dignità stop and go

Esonero della disciplina dello stop&go, che prevede l’interruzione tra un contratto a termine e un altro per il lavoro in somministrazione

Voucher agricoltura nel decreto dignità

Fino a 10 giorni potranno essere utilizzati dagli alberghi e dalle strutture ricettive per pagare le prestazioni dei pensionati, under 25, disoccupati e percettori di misure di sostegno al reddito.

Decreto dignità cosa cambia per i contratti a termine

FIno al 31 ottobre si applicheranno le vecchie norme sui contratti a termine già in essere per dare alle aziende il tempo di adeguarsi. Le nuove norme prevedono che i contratti a termine, compresi quelli di somministrazione, non possano superare il 30% dei contratti a tempo indeterminato nella stesa zienda. Multe di 20 euro al giorno per la somministrazione fraudolenta e l’esclusione delle agenzie di somministrazione dall’obbligo di indicare le causali per il rinnovo dei contratti a termine. Se il contratto a termine supera i 12 mesi e non vengono indicate le causali, si trasforma automaticamente in tempo indeterminato.

Indennità licenziamento decreto dignità

In caso di offerta conciliativa per i licenziamenti illegittimi, le mensilità da corrispondere passano da un minimo di due a un massimo di 27.

Assunzioni nei centri per l’impiego

La quota delle assunzioni che le Regioni potranno fare nel triennio 2019-2021 sarà destinata al rafforzamento degli organici dei centri per l’impiego. Le risorse dovranno essere reperite all’interno dei vincoli dei piani assunzionali vigenti.

Franco Fiorenzato