Le detrazioni per chi usa le carte

Le detrazioni per chi usa le carte

 

credito d’imposta per i piccoli esercenti e detrazioni per gli acquirenti con redditi bassi

La Manovra 2020 è legge. Tra le misure contenute nel testo definitivo del decreto fiscale, la norma contro l’uso del contante che prevede un credito d’imposta per chi usa pagamenti tracciabili.

La soluzione individuata dal dl 26 ottobre 2019, n. 124 è un aiuto sia a chi preferisce l’uso della moneta elettronica che ai commercianti, spesso non troppo contenti di accettare le carte a causa delle commissioni bancarie collegate.

Ecco in breve le misure contenute nel decreto:

  • Dal 1 luglio 2020 si applicherà un modello di credito di imposta simile a quello già applicato per i benzinai (che godono di un credito del 50%), a beneficio delle piccole attività, ovvero un credito del 30% delle spese per le commissioni sulle transazioni con carte e bancomat, da usare esclusivamente in compensazione. Tale credito sarà concesso solo a chi abbia una attività con ricavi compresi entro i 400 mila euro annui;
  • Da luglio 2020 il limite di utilizzo del contante scenderà a 2000 euro, per scendere ulteriormente a 1000 euro nel 2022;
  • Multe per chi non accetta il Pos.

La platea interessata dovrebbe essere costituita da oltre due milioni di esercenti, per un onere statale stimato intorno al mezzo miliardo di euro.

Per quanto riguarda invece il lato degli acquirenti, dal 2020 le detrazioni saranno sempre e comunque possibili solo presentando traccia delle spese effettuate con bonifici, carte o bancomat. Tuttavia una poco piacevole novità riguarda coloro che percepiscono redditi oltre i 120 mila euro. Infatti:

  • redditi sopra i 120.000 euro vedranno un taglio sulle detrazioni;
  • redditi sopra i 240.000 euro avranno l’azzeramento delle detrazioni fiscali al 19%.

Ad essere coinvolte, circa 300 mila persone (l’1% dei contribuenti); ad essere colpite, invece, sono spese quali

  • spese veterinarie
  • spese funebri
  • spese di locazione per studenti fuori sede. Sempre in tema studio, sono coinvolte dal taglio anche le spese
    • per la frequenza di scuole (dell’infanzia, primo ciclo e secondaria)
    • per la frequenza ai corsi universitari statali e non
  • spese per studenti con disturbo DSA ( Disturbo specifico dell’apprendimento)
  • spese per l‘attività sportiva praticata dai ragazzi
  • premi per assicurazioni sulla vita, contro gli infortuni, invalidità e non autosufficienza
  • premi per assicurazioni contro il rischio di eventi calamitosi sulla casa
  • spese per servizi di interpretariato per i soggetti sordomuti.

Resta invece in vigore la detrazione al 19% degli interessi ed oneri accessori del mutui casa, come anche tutti i “bonus casa”.

I commenti sono chiusi