Nasce il fondo infrastrutturale più grande d’Europa

Nasce il fondo infrastrutturale più grande d’Europa

Ardian crea un fondo infrastrutturale da 15 miliardi di dollari. Si tratta di Ardian Infrastructure Fund V, diventato il fondo infrastrutturale più grande in Europa.

Ardian lancia Ardian Infrastructure Fund V

A riprova del grande interesse verso il mercato europeo delle infrastrutture, il fondo Ardian Infrastructure Fund V ha finora coinvolto 125 investitori provenienti da Europa, Nord America, Asia e Medio Oriente, tra cui fondi pensione, compagnie di assicurazione, istituzioni finanziarie, fondi sovrani . Dopo aver raccolto altri 6,1 miliardi di euro in meno di sei mesi, sono giunti a 15 miliardi di dollari i fondi gestiti in Europa e nelle Americhe da quello che è ora il maggior fondo infrastrutturale nel Vecchio Continente.

Il fondo ha l’obiettivo, lavorando a stretto contatto con gli stakeholder locali sia pubblici che privati, di implementare e digitalizzare le infrastrutture essenziali per i cittadini di tutta Europa. I settori di intervento comprendono i trasporti (ferrovie, strade e aeroporti), l’energia (gas, elettricità ed energie rinnovabili) e altre infrastrutture pubbliche (sanità e ambiente).

Investire in infrastrutture europee: piace ad americani, asiatici, mediorientali

È stata registrata una crescita importante dell’interesse da parte degli investitori statunitensi, ma anche di Asia e del Medio Oriente. Altro dato significativo è che i precedenti investitori hanno confermato in modo importante i loro impegni in questo nuovo fondo, mentre il 30% è rappresentato da nuovi investitori.

Sin dal fundraising del precedente fondo Ardian Infrastructure Fund IV, il numero degli investitori è raddoppiato, permettendo ad Ardian adottare una prospettiva a più  lungo termine che si concretizza nella formula Augmented Infrastructure. Si tratta della somma di tecnologie all’avanguardia, approccio incentrato sul cliente, miglioramento della manutenzione e spinta verso misure più rigorose in materia di salute, sicurezza e ambiente.

I commenti sono chiusi