Successione ereditaria di una casa, come funziona e a cosa fare attenzione

Successione ereditaria di una casa, come funziona e a cosa fare attenzione

Quando si eredita una casa occorre fare attenzione a tutte le conseguenze fiscali della successione. Vediamo in che modo comportarsi in vista di una successione

Come si paga la successione ereditaria

Su una eredità occorre pagare la tassa di successione su immobili, diritti reali immobiliari, azioni, quote societarie, aziende, crediti e beni mobili. L’imponibile è rappresentato dal valore di tutti i beni ereditati meno passività e oneri deducibili. L’aliquota applicata è diversa a seconda del grado di parentela dell’erede; in particolare i cosiddetti “parenti stretti” godono di una franchigia di un milione di euro ciascuno.

Successione di una casa, la franchigia

Se per esempio due figli ereditassero un immobile del valore di un milione e mezzo di euro, l’imposta di successione non sarebbe dovuta, mentre lo sarebbero solo le imposte ipotecaria e catastale, l’imposta di bollo e la tassa ipotecaria.

Successione ereditaria, le aliquote

Le aliquote da applicare  – che riguardano l’intero patrimonio mobile e immobile – sono le seguenti:

  • coniuge e parenti in linea retta: 4% su un valore netto di oltre un milione di euro a testa
  • fratelli e sorelle: 6% su un valore netto che eccede i 100 mila euro a testa
  • altri parenti e affini: 6%
  • altri soggetti: 8%
I commenti sono chiusi